Il 25 dicembre si celebra il Sol Invictus!

Ma che scrivi, direte… il 25 dicembre si celebra la nascita di Gesù!
Eh no! Ci celebra proprio il Sol Invictus!

Oramai è cosa risaputa che il 25 dicembre non è il giorno in cui Gesù è nato! Si sa tutto della sua vita, i miracoli che ha compiuto, gli spostamenti, i luoghi in cui è transitato, addirittura il punto esatto in cui è nato , dove è morto, dove è risorto, le parole che ha pronunciato, i suoi discorsi, le sue preghiere... ma non si conosce né il giorno esatto in cui è nato né quello in cui è morto .

Uhm… non vi sembra strano? Ragionateci!

Eppure Clemente di Alessandria in un suo scritto datato intorno all'anno 200 afferma che i primi cristiani ricordavano due date riguardanti Gesù Cristo, il 20 maggio, presumibilmente la vera data di nascita, ed il 28 agosto, data della sua morte/resurrezione. E questo è considerato, dal punto di vista storico, il primo riferimento legato al giorno in cui Gesù sarebbe venuto al mondo.
Una conferma ci viene proprio dai vangeli in cui è scritto che "in quella stessa regione c'erano anche alcuni pastori che passavano la notte all'aperto per fare la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro, la gloria del Signore li avvolse di luce ed essi ebbero una grande paura. L'angelo disse: «Non temete! Io vi porto una bella notizia che procurerà una grande gioia a tutto il popolo: oggi per voi, nella città di Davide, è nato il Salvatore, il Cristo, il Signore»." Lc 2, 8-11
Obietterete ma cosa centra con la data di nascita?
Centra invece! Perché il fatto che i pastori dormissero all'aperto ci lascia intuire che in quel periodo faceva caldo, quindi non poteva essere il 25 dicembre!

Allora perché continuare la farsa? Perché continuare a cantare "…e vieni in una grotta al freddo e al gelo"? O ad immaginare questo povero bimbo in fasce infreddolito in una mangiatoia riscaldato con il calore corporeo di un bue e di un asinello?

Boh? Questo si che è un mistero della fede!

Questo papa, che è così pignolo nel voler cambiare il Padre Nostro, perché, per amore della Verità, non cambia tutto il resto? Date, canti, processioni, rituali… e si lascia definitivamente alle spalle questa festa pagana del Sol Invictus?

Non lo faranno mai! Ne sono più che convinto perché in realtà si continua a festeggiare il Dio Sole, portatore di luce e di vita in questo mondo, mascherato da Gesù Cristo, un essere sceso dalle stelle e che sceglie a sé 12 discepoli come le 12 costellazioni che il Sole incontra nel suo tragitto nella sfera celeste!

Il 25 di dicembre per gli antichi era il giorno del solstizio d'inverno, giorno in cui le ore di luce toccano il minimo. Da questo giorno in avanti il Sole ritorna a splendere e le giornate iniziano ad allungarsi con l'avvento della nuova luce.

Questo è il motivo per cui si festeggia il Natale il 25 di dicembre, la (ri)nascita del Sole! Quindi buon Sol Invictus! Ed il nostro augurio è quello di disperdere l'oscurità e di rinascere nella Luce proprio come fa il Sole.

Anila Kumar 「अनिल कुमार」

25 dic 2018 / in News

Link correlati:
Cambia il Padre nostro, come se a Dio importasse qualcosa…
Nessuna buona Pasqua ma buon Risveglio!
Il rito pagano-ortodosso del Fuoco Santo al Santo Sepolcro di Gerusalemme
Il mercoledì delle ceneri: una delle tante illusioni per far dormire il nostro spirito


Kōan del giorno 「公案」

Rispetta il bisogno degli altri di giungere alla verità a modo loro e con i loro tempi. Swami Kriyananda

Sede legale:
Associazione "Il Risveglio dell'Atman"
via De Liguori, 20 - Sarno (SA)