Awakening Spirit Radio

La bufala del portale 11/11 dell'11 novembre

Nota: Leggere attentamente prima di proseguire la lettura
Oggi è l'11 novembre (11/11) e secondo alcuni si aprirebbe un portale che rimarrebbe aperto fino al 29/11, altro 11/11 (2+9=11), e richiamerebbe ad elevare la nostra coscienza , senza attaccamenti e lasciando andare tutto ciò che non sostiene più l’evoluzione .

Bah…

Se bastassero due numeri a cambiare l'umanità saremmo già una civilità superevoluta!

Quanti 11/11 abbiamo avuto nella storia dell'umanità? Migliaia!
È forse cambiato qualcosa? No!

Ora senza voler entrare nel merito della numerologia e sul significato del numero 11 e riflettendo (ogni tanto usare il cervello anche solo per pochi istanti non è poi così faticoso ) ci accorgiamo che oggi nel calendario giuliano è il 29 ottobre 2019, in quello ebraico il 13 Hesvan 5780, in quello islamico il 13 Rabi' al-awwal 1441, in quello civile indiano il 20 Kartika 1941, in quello persiano il 20 Aban 1398… senza tener conto che il calendario gregoriano, quello che quotidianamente usiamo, è pure sbagliato!

Volete elevare la vostra coscienza? Bene! Lavorate su voi stessi, fate tanto sadhana (sincero sforzo nelle pratiche spirituali) ed impegnatevi ad essere delle persone migliori!!! Non esiste altra via.

Anila Kumar Deva 「अनिल कुमारदेव」

11 nov 2019 / in Anime Ribelli


Kōan del giorno 「公案」

IO L'UNICO CHE PRODUCE I MOLTI - Finalmente ho raggiunto il mio traguardo e risolto il mistero della mia anima. Io sono quello a cui rivolgevo le preghiere, quello a cui chiedevo aiuto. Sono quello che ho cercato! Sono la stessa vetta della mia montagna! Guardo la creazione come una pagina del mio stesso libro. Sono infatti l’unico che produce i molti, della stessa sostanza che prendo dall'uno. Poiché tutto è me, non vi sono due, la creazione è me stesso, dappertutto. Quello che concedo a me stesso lo prendo dal mio scaffale. L'unico, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i miei desideri, che sgorgano da me. Sono infatti il conoscitore ed il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in uno è quello che sono. L’inferno non è che una diga che ho messo al mio stesso fiume. Quando sognai durante un incubo vidi che non ero l'unico così da me è iniziato il dolore che fece il suo corso, finché non mi svegliai e scoprii che avevo scherzato con me stesso. Ora che sono sveglio, riprendo il mio trono e governo il regno che sono io stesso un maestro per l’eternità. Master Gear Salvat

Affiliato CSEN