Awakening Spirit Radio

Yoga al Parco 5 Sensi - Sarno (SA)

La Cooperativa Sociale 5 Sensi in collaborazione con la nostra associazione "Il Risveglio dell'Atman" a partire da giovedì 6 agosto fino al 27 settembre 2020 organizza lezioni di Yoga all'aperto, a contatto con l'energia rigenerante del Parco fluviale 5 Sensi in via Foce a Sarno (SA).

Le lezioni si terranno tutti i giovedì dalle ore 19:00 e tutte le domeniche dalle ore 10:30.

A causa delle regole anti-COVID i posti sono limitati ad un certo numero di persone in modo da poter garantire il giusto distanziamento sociale e praticare gli asanam (1) in totale sicurezza. Quindi coloro che desiderano partecipare sono pregati di prenotare la loro presenza al 328 65 86 978.

Cos'è lo Yoga?

La parola Yoga in sanscrito significa unione ed indica un particolare stato del nostro essere, in cui ciascuno di noi si sente unito alla vita. Uno stato interiore che si ottiene e si raggiunge dopo aver fatto un percorso, il cui fine è di far sperimentare al praticante gioia, pace e amore indescrivibili, rendendolo felice ed in pace nella sua vita quotidiana, senza che nulla di esterno accada.

Cosa portare

Per la pratica consigliamo di indossare un abbigliamento comodo (ad esempio una tuta o qualcosa di più estivo come pantaloncini e maglietta) per permettere al corpo di muoversi con facilità ed una stuoia o tappetino (va bene anche un telo da mare).

Dove si terranno le lezioni?

Il corso si terrà presso il Parco fluviale 5 Sensi in località Foce di Sarno (SA).

1 Gli asanam sono delle posizioni di allungamento, torsione, flessione e rilassamento che permettono di aver un pieno controllo del corpo fisico e di raggiungere degli ottimi livelli di elasticità agendo dolcemente sulla colonna vertebrale.

Libri consigliati:

Link correlati:
Yoga al Parco 5 Sensi - Sarno (SA) [evento Facebook]
Parco 5 Sensi Sarno [gruppo Facebook]


Kōan del giorno 「公案」

IO L'UNICO CHE PRODUCE I MOLTI - Finalmente ho raggiunto il mio traguardo e risolto il mistero della mia anima. Io sono quello a cui rivolgevo le preghiere, quello a cui chiedevo aiuto. Sono quello che ho cercato! Sono la stessa vetta della mia montagna! Guardo la creazione come una pagina del mio stesso libro. Sono infatti l’unico che produce i molti, della stessa sostanza che prendo dall'uno. Poiché tutto è me, non vi sono due, la creazione è me stesso, dappertutto. Quello che concedo a me stesso lo prendo dal mio scaffale. L'unico, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i miei desideri, che sgorgano da me. Sono infatti il conoscitore ed il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in uno è quello che sono. L’inferno non è che una diga che ho messo al mio stesso fiume. Quando sognai durante un incubo vidi che non ero l'unico così da me è iniziato il dolore che fece il suo corso, finché non mi svegliai e scoprii che avevo scherzato con me stesso. Ora che sono sveglio, riprendo il mio trono e governo il regno che sono io stesso un maestro per l’eternità. Master Gear Salvat

Affiliato CSEN